In memoria dei medici che hanno dato la vita per i propri pazienti nella battaglia contro l'epidemia di Covid-19

Angiocheratoma

Gli angiocheratomi (di Fordyce, dermatologo statunitense che nel 1896 li descrisse) sono piccole formazioni vascolari, asintomatiche, cupoliformi, di colore variabile dal rosso al blu al nero, con diametro variabile da 1 a 8-10 mm, localizzati generalmente ai genitali maschili e femminili (glande, asta del pene, scroto, grandi labbra), ma anche all’addome o in altre regioni cutanee.

Sono lesioni a decorso benigno dovute essenzialmente alla dilatazione dei capillari del derma. Solitamente le lesioni di recente insorgenza si presentano di colorito rossastro, di consistenza soffice, facilmente comprimibili; quelle presenti da più tempo virano di colore verso il blu nerastro, sono di consistenza aumentata e non comprimibili.

Eziologia sconosciuta. Si rilevano a tutte le età, ma più frequentemente oltre i 40 anni, in numero variabile dai pochi elementi ad oltre un centinaio di lesioni.

La loro scoperta è spesso casuale, talvolta legata al sanguinamento (spontaneo, dopo un rapporto sessuale o dopo asciugatura). Non sono trasmissibili sessualmente.

GENITALI

Angiocheratomi localizzati ai genitali maschili e femminili.

Diventa socio

Ecco le Riviste ADOI al servizio dei Soci

Dermatology Reports Esperienze dermatologiche

SEDE OPERATIVA
C.da Ponte delle Tavole,
Parco della Luna,
82100, Benevento
Tel./Fax: +39 08241524502
info@adoi.it

SEDE LEGALE Viale Londra, 50
00142, Roma
PEC: adoi@legalmail.it
C.F.: 80101420109
P. IVA: 06379991216