In memoria dei medici che hanno dato la vita per i propri pazienti nella battaglia contro l'epidemia di Covid-19

Tigna: Dermatofitosi o Infezioni micotiche della cute

La Tigna è un termine che si riferisce ad alcune micosi cutanee, infezioni fungine che normalmente interessano gli strati più superficiali della cute. Le tigne sono altrimenti dette dermatofizie, in quanto causate da funghi filamentosi della pelle che si riproducono mediante spore (dermatofiti).

Le manifestazioni cliniche sono varie e dipendono:

  • dal distretto anatomico coinvolto (tronco, volto, cuoio capelluto, regione della barba, piedi, unghie, regione inguino-crurale, mani);
  • dalla capacita aggressiva del fungo;
  • dalle difese immunitarie del paziente. Il contagio può essere trasmesso all’uomo da animali infettati da funghi zoofili o essere interumano da uomo infettato da funghi antropofili.

TINEA CORPORIS

Sinonimi: micosi del corpo

Più frequente nei bambini, coinvolge tronco, arti, collo. Viene spesso trasmessa da animali domestici infetti, nei quali può passare inosservata. Clinicamente si manifesta con un anello circolare eritematoso rilevato sul piano cutaneo,  successivamente compaiono  dai 3 ai 6 o più anelli  concentrici intervallati da cute sana che ricordano  la forma di un  bersaglio.  Più  chiazze vicine possono fondersi  e dare origine a forme irregolari che ricordano la carta geografica. Se l’infezione si protrae nel tempo può comparire eritema perifollicolare, essudazione, pustole,  fino alle forme infiltranti granulomatose, indice di invasione della peluria che ricopre il  corpo.

Negli adulti è più frequente la Tinea incognito dovuta ad errori diagnostici  a cui fanno  seguito terapie non appropriate, soprattutto cortisoniche, protatte nel tempo. La clinica polimorfa dell’infezione la rende spesso indistinguibile da numerose malattie cutanee importanti  come il Lupus Eritematoso Discoide,  Lupus Eritematoso  Subacuto Cutaneo,  Linfomi Cutanei a cellule T. Si intuisce come un semplice esame micologico può portare alla diagnosi precoce e corretta di micosi ed escludere altre patologie cutanee evitando esami diagnostici anche invasivi spesso inutili e costosi.

 

TINEA FACEI

Sinonimi:  micosi del volto.

Forma rara, dovuta ad infezioni che coinvolgono il volto, con clinica simile alla tinea corporis. La diagnosi avviene tardivamente a causa di errori diagnostici dovuti alla mancata esecuzione  dell’esame micologico,  che dovrebbe essere eseguito in tutte quelle patologie cutanee che somigliano alla  tinea facei come la dermatite seborroica, la dermatite allergica da contatto etc. All’errore diagnostico fa seguito la terapia  steroidea e/o antibiotica, inutile e controindicata per le micosi, ma  capace di modificarne il quadro clinico, ritardarne la diagnosi e trasformarla in una patologia di difficile diagnosi e cura, per la quale si rendono necessari trattamenti antimicotici orali protratti per lungo tempo.

TINEA CAPITIS

Sinonimi: micosi del capelluto.

Colpisce soprattutto i bambini. Quando l’infezione è  superficiale  viene coinvolto  il fusto del capello e la cute che circonda la sua emergenza. Possono comparire una o più chiazze ampie rosee ben delimitate (tigna chiazze rosee) ricoperte  da fine desquamazione con all’interno capelli  tronchi a 3 / 4 millimetri dall’emergenza facilmente estraibili. Oppure le chiazze  possono essere più piccole eritematose e desquamanti, ma mal delimitate per l’alternanza di capelli parassitati a capelli normali. I capelli infettati in questa forma appaiono troncati all’emergenza  e si manifestano come piccoli punti neri. Quando l’infezione non viene diagnosticata e si protrae nel tempo coinvolge gli strati profondi della cute, le chiazze rotondeggianti diventano rilevate sul piano cutaneo e dolenti, compaiono essudato, suppurazione, pustole con piccoli crateri  dai quali fuoriesce  materiale giallastro, squame e croste, Dando origine, talvolta, a formazioni di tinea capitis granulomatose.

TINEA BARBAE

Sinonimi:  micosi della regione della barba.

Rara, coinvolge gli adulti, clinicamente simile alle forme descritte nella tinea capitis. Spesso diagnosticata in ritardo con trattamenti non appropriati prima di arrivare all’esame micologico che permette la diagnosi.

TINEA PEDIS

Sinonimi:  micosi dei piedi foto,  piede d’atleta

E’ la micosi più frequente, spesso diagnosticata in concomitanza con l’infezione delle unghie dei piedi. Inizia con il prurito e desquamazione del 4° spazio interdigitale del piede, successivamente vengono coinvolti  gli altri spazi interdigitali e la pianta del piede. L’infezione può coinvolgere prima un piede e dopo l’altro in maniera asimmetrica associandosi spesso al coinvolgimento della regione inguino-crurale . Può disseminarsi  in una qualsiasi regione corporea. L’esame micologico diretto e colturale permette di distinguere la tinea pedis da malattie clinicamente simili come la psoriasi e le infezioni batteriche.

TINEA CRURIS

Sinonimi:  micosi della regione inguino- crurale.

Insorge spesso per disseminazione dalla tinea pedis. Le lesioni si presentano asimmetriche, mono- o bilaterali, iniziano dalla piega inguinale e si propagano in maniera centrifuga alla coscia,  al pube, alla regione periano-genitale e  ai glutei. Sono chiazze rosee a limiti netti con andamento a semicerchio irregolare e la cute al centro delle chiazze può essere normale

 

TINEA MANUM

Sinonimi:  micosi delle mani.

Insorge alle regioni palmari e alle regioni dorsali delle mani. Forme acute: chiazze eritematose a limiti netti con vescicole e  pustole localizzate   prevalentemente  ai bordi delle chiazze. Patologia  tipica di alcune categorie di lavoratori come  agricoltori,  allevatori di bestiame, veterinari. Sono trasmesse all’uomo da funghi che infettano gli animali (zoofili).  Forme croniche:  chiazze a limiti netti,  ricoperte parzialmente da squame con  cute ispessita. La forma cronica è spesso  il risultato della progressione di una tinea pedis. L’ esame micologico microscopico diretto e colturale permette di distinguere la tinea manum  da patologie cutanee clinicamente simili simili come gli eczemi acuti e cronici, la psoriasi plantare e la  psoriasi pustolosa di Barber.

Ma le Dermatofitosi sono o no malattie gravi? La risposta è no se diagnosticate  correttamente  prima  di intraprendere terapie inutili che modificano la clinica tipica dell’infezione rendendola indistinguibile da altre malattie cutanee anche più gravi. Un semplice esame micologico  ci permette di fare o di escludere la diagnosi di micosi. L’assenza di micosi indirizza il medico verso altri esami diagnostici per arrivare alla diagnosi corretta.

 

A cura di Franca Taviti

Hai bisogno di un consulto? Cerca il dermatologo ADOI più vicino a te!

Diventa socio

Ecco le Riviste ADOI al servizio dei Soci

Dermatology Reports Esperienze dermatologiche

SEDE ADOI
Contrada Ponte delle Tavole,
82100 BENEVENTO
C.F.: 80101420109
P. IVA: 06379991216

CONTATTI Tel.: +39 081.19168263
Fax: +39 081.19324957
Email: info@adoi.it; segreteria@adoi.it
PEC: adoi@legalmail.it