Che cos’è la dermatite da contatto?

 

A cura di Domenico Bonamonte (Bari)

 

La dermatite da contatto colpisce con frequenza i bambini in età da pannolino ma grazie ai test allergologici se ne può ridurre l’insorgenza.

 

Sommario:

  • La dermatite da contatto in breve
  • Con quale frequenza si manifesta la dermatite atopica bambini?
  • Dermatite da pannolino: i fattori di rischio principali
  • Quali sostanze favoriscono l’insorgere della dermatite atopica?
  • Come si scopre una dermatite da contatto?
  • Dermatiti allergiche: come prevenirle?

 

 

La dermatite da contatto in breve

La dermatite da contatto una reazione della cute di natura infiammatoria, causata dal contatto e dalla esposizione ripetuta della pelle a determinati agenti o sostanze, ed è caratterizzata dalla comparsa di arrossamento, piccole vescicole e prurito.

Queste lesioni si presentano almeno inizialmente nella sede cutanea del contatto, per poi diffondersi anche a distanza in altre sedi. Il meccanismo alla base di questa infiammazione è duplice e può essere di tipo aggressivo diretto, conseguente ad una forte irritazione della cute oppure allergico, cioè determinato dall’attivazione nella cute di un meccanismo immunitario.

 

Con quale frequenza si manifesta la dermatite da contatto nell’infanzia?

Le forme irritative risultano abbastanza frequenti e tra queste la più comune e nota è la dermatite da pannolino: si tratta di una irritazione della pelle nella zona del pannolino, provocata principalmente dal contatto prolungato con urine e feci a cui si aggiunge la frizione e l’azione occlusiva esercitata dal pannolino stesso. Le dermatiti allergiche sono invece rare nei primi mesi e anni di vita ma aumentano poi gradualmente di incidenza con la crescita in coincidenza con l’aumentata esposizione agli agenti o sostanze causa di allergia soprattutto nell’adolescenza.

 

Quali sono i principali fattori di rischio per lo sviluppo della dermatite da contatto bambini?

Uno dei più importanti è rappresentato dalla presenza nel bambino di dermatite atopica o eczema costituzionale. Si tratta di una delle più frequenti malattie dermatologiche, geneticamente determinata, che può interessare l’età pediatrica ed è caratterizzata dalla diffusa comparsa di intenso prurito, arrossamenti e vescicole essudanti fin dai primi mesi di vita. Nel corso della crescita generalmente permane nel bambino uno stato di secchezza cutanea associata ad aree di infiammazione e desquamazione, variabili per sede, intensità, età e stagione. Per tale motivo e per le sue caratteristiche di cronicità, la dermatite bambini viene spesso e ripetutamente trattata con molteplici prodotti per uso locale sia di tipo cosmetico che farmacologico. Proprio questa continua applicazione di creme, emulsioni e pomate aumenta considerevolmente il rischio di sviluppare una dermatite irritativa fino all’allergia da contatto, che può essere causata o dal principio attivo di un farmaco per uso topico, oppure dalle numerose sostanze chimiche presenti nelle creme cosmetiche emollienti o idratanti (profumi, conservanti, ecc.). Anche la dermatite da pannolino e la stessa dermatite da contatto irritativa rappresentano a loro volta un importante fattore di rischio per la dermatite allergica da contatto. Infatti qualunque infiammazione della pelle in genere causata nei bambini dal ripetuto contatto con prodotti a potenziale azione irritante quali saponi, detersivi, disinfettanti, solventi, ecc. ma anche una eccessiva detersione o la ripetuta esposizione a condizioni ambientali estreme (freddo, umidità ecc.) può causare una alterazione della struttura della pelle, facilitando poi la penetrazione di sostanze chimiche allergizzanti soprattutto di tipo cosmetico.

 

Quali sono le sostanze più comunemente causa di dermatite allergica da contatto nei bambini?

  • I metalli

Il nichel è presente principalmente nella bigiotteria, fra cui soprattutto orecchini e oggetti per il piercing, braccialetti e collane, montature metalliche di occhiali, bottoni metallici di jeans, fibbie di cinture. La dermatite allergica da contatto al nichel si localizza, almeno inizialmente, ai lobi auricolari per gli orecchini di bigiotteria, ai polsi per i braccialetti di metallo, al collo per le collane, alla parte bassa dell’addome per la fibbia metallica delle cinture e per i bottoni metallici dei jeans. Un altro metallo, il cromo, è largamente presente nel pellame delle scarpe. Per tale motivo la dermatite allergica da contatto da cromo si rende evidente principalmente ai piedi; tuttavia, essendo il cromo presente nei manufatti in pelle in genere, è possibile che la dermatite si localizzi in altre sedi come le mani per l’uso di guanti in pelle.

  • I medicamenti per uso topico

Causa frequente di allergia in età pediatrica sono gli antibiotici presenti in farmaci per uso locale (colliri, creme, gocce per orecchi ecc.) e, oggi meno frequentemente, i sali di mercurio impiegati come antisettici e disinfettanti.

  • I cosmetici

L’allergia da contatto a cosmetici è piuttosto frequente nei bambini, a causa dell’aumentato consumo soprattutto di bagnoschiuma, prodotti profumati e cosmetici giocattolo. La causa più frequente di allergia ai cosmetici è rappresentata dalle sostanze profumanti e dai conservanti.

  • Gli additivi della gomma

Si tratta di sostanze chimiche utilizzate durante la lavorazione della gomma. La fonte di esposizione per i bambini è rappresentata soprattutto dalle scarpe ginniche e la dermatite da contatto si localizza in prevalenza al dorso dei piedi.

  • I tessuti

Il rischio maggiore di allergia è rappresentato dai coloranti dispersi che sono sostanze utilizzate per colorare i tessuti sintetici. Al contrario degli adulti, spesso allergici ai coloranti scuri, nei bambini è piuttosto frequente l’allergia ai colori chiari quali giallo e arancio. L’eccessiva sudorazione rappresenta un fattore di rischio. Per evitare che insorga questo tipo di allergia, è consigliabile far indossare ai bambini sempre tessuti in cotone o fibra naturale poco colorati.

  • Le resine

Vengono impiegate dall’industria sia come collanti di scarpe in cuoio e in gomma ma anche nei capi di abbigliamento come antipiega. Per tale motivo, spesso la dermatite allergica da contatto con le resine si sviluppa ai piedi e nelle zone di attrito e frizione degli indumenti soprattutto del torace ed è favorita dalla sudorazione.

 

Come si scopre una allergia da contatto?

Si scopre con i test allergologici denominati test epicutanei (patch test): consistono nell’applicazione, solitamente sul dorso, delle sostanze più frequenti causa di allergia. Tali sostanze opportunamente preparate vengono mantenute a contatto con la pelle per 48 ore con un apposito apparato testante. Dopo tale intervallo di tempo può comparire in corrispondenza di una o più sostanze applicate una reazione positiva segno di aver sviluppato tale genere di allergia.

 

Qual è lo scopo dei test epicutanei?

Di consentire l’individuazione della allergia da contatto ed evitare così il più possibile il contatto stesso che rappresenta la condizione essenziale per prevenire la comparsa della malattia e favorire poi il successo della terapia. Per tale motivo, i test epicutanei possono e devono essere eseguiti anche in età infantile in tutti quei casi in cui si sospetta la presenza di una allergia del genere.

 

È possibile ridurre sensibilmente l’insorgenza di dermatite da contatto nella popolazione infantile?

Evitando di esporre i bambini in modo ripetuto e continuato a sostanze potenzialmente irritanti, di eccedere nella frequenza della detersione, di provvedere al cambio frequente del pannolino. Anche la prevenzione di tutti quei comportamenti noti quale possibile causa di allergia da contatto come in particolare la foratura del lobo per gli orecchini o per il piercing, l’eccessivo e precoce uso di cosmetici e prodotti profumati e l’indossare indumenti sintetici molto colorati, ne può evitare o, comunque, ritardare la possibilità dell’insorgenza.

Diventa socio

Associati e ricevi gratuitamente a casa tua le nostre riviste.

JPD magazine Esperienze dermatologiche

SEGRETERIA C/O Eubea Srl
Via M. Pietravalle, 11
80131 NAPOLI

CONTATTI Tel. +39 08119168263
Fax +39 08119324957
Email segreteriaadoi@eubea.it